Certificazione Energetica degli Edifici

Certificazione Energetica degli Edifici

La certificazione energetica degli edifici è una pratica introdotta dalle direttive europee 2009/91/CE e 2006/32/CE. In Italia tale direttiva è stata recepita dal D.Lgs. 115/2008 che introduce le UNI TS 11300.
Tali pratiche sono volte a favorire lo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica nell’edilizia attraverso l’individuazione di un valore nella classe energetica attribuita ad un immobile. In Italia al momento si può affermare che l’attestato di certificazione energetica (ora Attestato di Prestazione Energetica), che ha validità 10 anni dall’emissione, ed è obbligatorio per:

  • Tutti i contratti di compravendita immobiliare (e pure di ogni altro contratto traslativo di immobili a titolo oneroso: permuta, conferimento in società, transazione, rendita, eccetera)
  • contratti di donazione e ogni altro atto traslativo di immobili a titolo gratuito; i "nuovi" contratti di locazione (vale a dire non i contratti che siano una proroga di precedenti contratti).
  • Laddove si voglia usufruire degli sgravi fiscali del 55% previsti dal Decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 associati a riqualificazione energetica dell’unità immobiliare e sue successive modifiche ed integrazioni quali il decreto 63 del 4 giugno 2013.

Il decreto 63/2013 convertito poi dalla legge 90/2013 ha sancito l'introduzione degli APE (attestato prestazione energetica) al posto dei vecchi ACE (attestato certificazione energetica) e ha sancito la nullità degli atti di compravendita (di tutti i tipi a titolo onerosodi immobili nel caso in cui il proprietario non fornisca copia dell' APE già in fase di trattativa al cliente, sia esso un rapporto di locazione o passaggio di prorprietà. Non si deve redigere l'APE in una serie di circostanze quali:

  1. Edifici isolati con superficie netta inferiore ai 50 m2
  2. Fabbricati industriali e artigianali quando gli ambienti sono riscaldati per esigenze del processo produttivo (come per esempio serre per la cultura di piante) o utilizzando reflui energetici del processo non altrimenti utlizzabili
  3. I fabbricati agricoli non residenziali sprovvisti di impianti di climatizzazione
  4. Gli edifici adibiti a luoghi di culto
  5. I locali categorizzabili come "ruderi"
  6. Edifici il cui utilizzo non preveda l'installazione e l'impiego di sistemi tecnici, quali box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi e strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi (fatta eccezzione per le porzioni di edifici eventualmente adibite ad uffici)
  7. Edifici in cui non è necessario garantire un comfort abitativo perché non destinati alla permanenza di persone, quali i garage, i depositi, le cantine, le centrali termiche, i locali contatori, le legnaie, le stalle; manufatti, comunque, non riconducibili alla definizione di edificio (ad esempio: una piscina)
  8. Fabbricati "al grezzo", vale a dire i manufatti che si trovano nello stato di "scheletro strutturale", cioè privi di tutte le pareti verticali esterne o di elementi dell'involucro edilizio
  9. Gli edifici venduti "al rustico", cioè privi delle rifiniture e degli impianti tecnologici; gli edifici "marginali" ossia gli edifici che non comportano un consumo energetico in relazione alle loro caratteristiche tipologiche e/o funzionali (ad esempio: portici, pompeiane, legnaie)
  10. Gli edifici inagibili o comunque non utilizzabili in nessun modo e che, come tali, non comportino un consumo energetico (ad esempio fabbricati in disuso).

I consumi annui e le classi equivalenti in base ai quali si classificano gli edifici sono riportati nella tabella sottostante.

Grafico

Consumi specifici annui per la classificazione energetica degli edifici

I nostri servizi nella certificazione energetica posso riassumersi come segue:

  • Sopralluogo presso l’edificio e rilievo parametri fondamentali.
  • Redazione attestato di prestazione energetica (APE)
  • Diagnosi energetica su richiesta, con individuazione degli interventi ottimali a livello di costi/rendimenti, per migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio.

GUARDA QUI UNA NOSTRA PERIZIA APE

Share this